giovedì 16 maggio 2013

Grazie

Grazie, Riccardo Iacona.
E una dedica: dedicato alle Iene. E dedicato ai padri separati. A quelli che pretendono di parlare a nome di tutti, e raccontano balle. E a quelli che non si lasciano strumentalizzare. Con sentimenti diversi, certo; ma dedicato a tutti.

8 commenti:

  1. Bravo, è ora che si dica forte che i padri separati sono tutti stronzi e le donne sono una razza superiore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo l'ha detto lei, sig. Anonimo. Noi non ci sogneremmo mai di dire una cosa del genere e infatti non la diciamo. E nemmeno Iacona.

      Elimina
  2. Antonio Abbinanti17 maggio 2013 15:14

    Una opinione isolata e incondivisibile diventa, in questo blog rancoroso, una verità. Proprio non vi va giù la bigenitorialità, eh ? "dedicato ai padri separati"...ma che vuol dire, che loro sono quelli per i quali "non è un tabù schiaffeggiare la fidanzata"? Mi scusi, signora rete delle reti (magari vi firmaste...), ma se sono fidanzati come fanno a essere padri ? Forse si riferiva agli uomini, tutti gli uomini, in generale ? Quanta rabbia in corpo...brutto vivere così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, signor Abbinanti, noi la compatiremmo se il suo movimento di riferimento non diffondesse da tempo dati falsi, notizie false e odio verso le donne.
      Se non è rancore quello del movimento dei padri separati, assolutamente orientato al maschilismo e al protezionismo dei vostri privilegi, allo studio di come complicare l'esistenza delle ex mogli e contengono al loro interno decine e decine di non separati, nemmeno fidanzati ma solo maschilisti, che può mai essere? Un po' di autocritica? No,eh?

      Elimina
    2. beh ,voi date odio verso gli uomini ,cambiano i fattori ,ma il prodotto non cambia ...a tal proposito voglio darvi un link http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/ con tanto di mano insanguinata che ricorda molto le pagine contro la violenza sulle donne ma ,la struttura di questo sito e il vostro che conosco ,è presso che la stessa ,da una parte gli immigrati ,da una parte gli uomini ,alla faccia della pagina anti razzista e anti sessista usate gli stessi metodi dei leghisti

      Elimina
    3. sig. Abbinanti: forse lei sta proiettando su di noi un rancore che è tutto suo: l'indignazione è una cosa, e il rancore un'altra, e qui il rancore semplicemente non esiste. E' una perdita di tempo, e un terreno di perdita, non ci interessa coltivarlo.

      Ma c'è un'altra cosa su cui lei è distratto, per esempio quando chiede: "dedicato ai padri separati"...ma che vuol dire, che loro sono quelli per i quali non è un tabù schiaffeggiare la fidanzata?" Eppure.. bastava leggere il post, per avere la risposta (che oltretutto è lungo poche righe). Bè, le rispondo (con le parole del post):
      "E dedicato ai padri separati. A quelli che pretendono di parlare a nome di tutti, e raccontano balle. E a quelli che non si lasciano strumentalizzare. Con sentimenti diversi, certo; ma dedicato a tutti".

      poi chiede: "ma se sono fidanzati come fanno a essere padri ?"
      ma lo sa che anche Berlusconi è "fidanzato"? essere pluri-padri, e pure nonni, mi sembra non abbia mai ostato nessuno ad accampare pretese su donne varie.

      E' più chiaro, dopo avere letto?
      Invece a noi non sembra affatto chiaro il senso dell'affermazione "Proprio non vi va giù la bigenitorialità": lei si sbaglia signore: a noi non va giù la strumentalizzazione di argomenti drammatici e seri come scusa per riportare le donne nel medioevo.

      Elimina
  3. Questi non hanno ancora capito che differenza c'è tra odiare gli uomini e odiare i maschilisti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e vorrei sottolineare la differenza che c'è tra "odiare" (faccenda che - almeno da queste parti - non ci riguarda) e difendersi.

      Elimina